Documentazione OVH

Configurare due o più server dedicati nella vRack

Scopri come configurare due o più server dedicati nella vRack

Ultimo aggiornamento: 30/11/2018

Obiettivo

La tecnologia vRack (rack virtuale) permette di raggruppare diversi server, indipendentemente dal numero e dall’ubicazione nei nostri datacenter, e di connetterli ad uno switch virtuale all’interno di una stessa rete privata. In questo modo i server possono comunicare tra loro in modo privato e sicuro tramite una VLAN dedicata.

Questa guida ti mostra come configurare due o più server dedicati grazie alla vRack.

Prerequisiti

  • Essere in possesso di una vRack
  • Disporre di almeno due o più server compatibili con la vRack
  • Essere connesso in SSH (o attraverso l’interfaccia grafica) al server Linux (accesso root)
  • Avere accesso allo Spazio Cliente OVH
  • Aver selezionato un intervallo di indirizzi IP privati

Procedura

Aggiungi i server alla vRack

  1. Dopo aver aggiunto la vRack al tuo account, accedi alla sezione Cloud del tuo Spazio Cliente OVH.
  2. Successivamente seleziona il menu vRack nella colonna a sinistra.
  3. Seleziona la tua vRack e,
  4. nella lista dei servizi compatibili, seleziona i server che vuoi aggiungere alla vRack, poi clicca su Aggiungi.

Choix du vRack

Configura le interfacce di rete

In questo esempio, utilizziamo un intervallo di indirizzi IP interni di 192.168.0.0/16.

Utilizziamo anche i nomi eth1 e eno4 per l’interfaccia di rete secondaria. I server potrebbero utilizzare una terminologia diversa. Puoi verificarlo utilizzando i comandi che indichiamo di seguito.

Per visualizzare l’elenco delle interfacce di rete, utilizza questo comando:

ifconfig -a | grep eth | awk '{print $ 1}'

La prima interfaccia della lista è la tua connessione di rete principale. Puoi verificare quella attiva utilizzando il seguente comando:

ifconfig eth1 up
ethtool eth1 | grep "Link detected"

Se con questo comando appare il messaggio Link detected: no, si tratta dell’interfaccia di rete da utilizzare per la configurazione della tua vRack, dopo aver eseguito questo comando:

ifconfig eth1 down

CentOS 6 e 7

Apri il file di configurazione dell’interfaccia di rete con questo comando:

vi /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth1

Premi il tasto I della tastiera per passare alla modalità di inserimento.

Configura l’interfaccia di rete secondaria come segue:

DEVICE=eth1
BOOTPROTO=static
IPADDR=192.168.0.1
NETMASK=255.255.0.0
ONBOOT=yes
TYPE=Ethernet

Nell’esempio di seguito, puoi utilizzare qualsiasi intervallo di IP privati e qualsiasi indirizzo situato all’interno della stesso.

  1. Premi il tasto Esc
  2. Premi il tasto Shift + : per aprire l’editor
  3. Digita wq
  4. Premi il tasto Invio
  5. Riavvia il server
  6. Ripeti tutti gli step per gli altri server e attribuisci ad ognuno un indirizzo IP unico appartenente al tuo intervallo. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Debian 7 e 8

Apri il file di configurazione dell’interfaccia di rete con questo comando:

nano /etc/network/interfaces

Configura l’interfaccia di rete secondaria come segue:

auto eth1
iface eth1 inet static
address 192.168.0.1
netmask 255.255.0.0

Nell’esempio di seguito, puoi utilizzare qualsiasi gamma privata di IP e qualsiasi indirizzo situato all’interno della stessa.

  1. Premi CTRL + X per abbandonare il file di configurazione di rete
  2. Premi il tasto Y per salvare le modifiche e infine premi Invio
  3. Riavvia il server
  4. Ripeti tutti gli step per gli altri server e attribuisci ad ognuno un indirizzo IP unico appartenente alla tua gamma interna. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Debian 9

Apri il file di configurazione dell’interfaccia di rete con questo comando:

nano /etc/network/interfaces

Configura l’interfaccia di rete secondaria come segue:

auto eno4
iface eno4 inet static
address 192.168.0.1
netmask 255.255.0.0

Nell’esempio di seguito, puoi utilizzare qualsiasi intervallo di IP privati e qualsiasi indirizzo situato all’interno della stesso.

  1. Premi CTRL + X per abbandonare il file di configurazione di rete
  2. Premi il tasto Y per salvare le modifiche e infine premi Invio
  3. Riavvia il server
  4. Ripeti tutti gli step per gli altri server e attribuisci ad ognuno un indirizzo IP unico appartenente alla tuo intervallo. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Ubuntu Server 16

Apri il file di configurazione dell’interfaccia di rete con questo comando:

vi /etc/network/interfaces

Premi il tasto I della tastiera per passare alla modalità di inserimento.

Configura l’interfaccia di rete secondaria come segue:

auto eth1
iface eth1 inet static
address 192.168.0.1
netmask 255.255.0.0

Nell’esempio di seguito, puoi utilizzare qualsiasi intervallo di IP privati e qualsiasi indirizzo situato all’interno della stessa.

  1. Premi il tasto Esc
  2. Premi il tasto Shift + : per aprire l’editor
  3. Digita wq
  4. Premi il tasto Invio
  5. Riavvia il server
  6. Ripeti tutti gli step per gli altri server e attribuisci ad ognuno un indirizzo IP unico appartenente alla tuo intervallo. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Ubuntu Server 17

Apri il file di configurazione dell’interfaccia di rete con questo comando:

nano /etc/network/interfaces

Configura l’interfaccia di rete secondaria come segue:

auto eno4
iface eno4 inet static
address 192.168.0.1
netmask 255.255.0.0

Nell’esempio di seguito, puoi utilizzare qualsiasi intervallo di IP privati e qualsiasi indirizzo situato all’interno della stesso.

  1. Premi CTRL + X per abbandonare il file di configurazione di rete
  2. Premi il tasto Y per salvare le modifiche e infine premi Invio
  3. Riavvia il server
  4. Ripeti tutti gli step da 1 a 5 per gli altri server e attribuisci a ciascuno di essi un indirizzo IP unico appartenente alla tuo intervallo. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Windows

In questo esempio, utilizziamo un intervallo di indirizzi IP di 192.168.0.0/16.

  • Connettiti al tuo server Windows tramite il desktop remoto
  • Clicca su Start
  • Clicca su Pannello di Controllo

Windows Control Panel

  • Clicca su Rete e Internet

Network and Internet

  • Clicca su Centro connessioni di rete e condivisione

Network and Sharing Centre

  • Clicca su Modifica impostazioni scheda

Change Adapter Settings

  • Clicca con il tasto destro sull’interfaccia di rete secondaria

  • Clicca su Proprietà

Windows Properties

  • Fai un doppio click su Internet Protocol Version 4 (TCP/IP/IPv4)

Internet Protocol Version 4 (TCP/IP/IPv4)

  • Clicca su Utilizza il seguente indirizzo IP.

    • In Indirizzo IP inserisci un indirizzo IP del tuo intervallo
    • In Subnet mask inserisci 255.255.0.0

Use the following IP address

  • Clicca sul tasto OK per salvare le modifiche
  • Riavvia il server
  • Ripeti tutti gli step per gli altri server e attribuisci ad ognuno un indirizzo IP unico appartenente al tuo intervallo. Subito dopo, i tuoi server potranno comunicare tra di loro all’interno della rete privata.

Per saperne di più

Contatta la nostra Community di utenti all’indirizzo https://www.ovh.it/community/.


Potrebbero interessarti anche...