Documentazione OVH

Configurare un Alias IP

Come aggiungere uno o più IP Failover alla tua configurazione

Ultimo aggiornamento: 23/02/2018

Obiettivo

L'alias IP (o IP aliasing) è un tipo di configurazione del tuo server dedicato che permette di associare più indirizzi IP a un'interfaccia di rete.

Questa guida ti mostra la procedura da seguire per effettuare l’operazione.

Prerequisiti

Procedura

Di seguito le procedure di configurazione per le principali distribuzioni.

Debian 6/7/8 e derivati

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/network/interfaces /etc/network/interfaces.bak

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file sorgente:

editor /etc/network/interfaces

e aggiungere un’interfaccia secondaria:

auto eth0:0
iface eth0:0 inet static
address IP_FAILOVER
netmask 255.255.255.255

Per assicurarti che l’interfaccia secondaria venga attivata insieme all'interfaccia eth0, aggiungi questa riga alla configurazione di eth0:

post-up /sbin/ifconfig eth0:0 IP_FAILOVER netmask 255.255.255.255 broadcast IP_FAILOVER
pre-down /sbin/ifconfig eth0:0 down

Per configurare due IP Failover, il file /etc/network/interfaces deve essere di questo tipo:

auto eth0
iface eth0 inet static
address SERVER_IP
netmask 255.255.255.0
broadcast xxx.xxx.xxx.255
gateway xxx.xxx.xxx.254

auto eth0:0
iface eth0:0 inet static
address IP_FAILOVER1
netmask 255.255.255.255

auto eth0:1
iface eth0:1 inet static
address IP_FAILOVER2
netmask 255.255.255.255

# IPFO 1
post-up /sbin/ifconfig eth0:0 IP_FAILOVER1 netmask 255.255.255.255 broadcast IP_FAILOVER1
pre-down /sbin/ifconfig eth0:0 down

# IPFO 2
post-up /sbin/ifconfig eth0:1 IP_FAILOVER2 netmask 255.255.255.255 broadcast IP_FAILOVER2
pre-down /sbin/ifconfig eth0:1 down

Step 3: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

/etc/init.d/networking restart

Debian 9+, Ubuntu 17+, Fedora 26+ e Arch Linux

Queste distribuzioni non utilizzano più la nomenclatura eth0, eth1... per le interfacce. Utilizzeremo quindi, in modo più generico, il servizio systemd-network.

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/systemd/network/50-default.network /etc/systemd/network/50-default.network.bak

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile aggiungere il tuo IP Failover nel file sorgente, utilizzando il comando:

nano /etc/systemd/network/50-default.network
[Address]
Address=22.33.44.55/32
Label=failover1 # optional

Il label è opzionale e serve a distinguere i diversi IP Failover.

Step 3: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

systemctl restart systemd-networkd

CentOS e Fedora (25 e precedenti)

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poterlo utilizzare come template:

cp /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0 /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0:0

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file eth0:0 per sostituire l’IP:

editor /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0:0

Sostituisci prima il nome del Device e poi l'IP esistente con l'IP Failover assegnato:

DEVICE="eth0:0"
ONBOOT="yes"
BOOTPROTO="none" # For CentOS use "static"
IPADDR="IP_FAILOVER"
NETMASK="255.255.255.255"
BROADCAST="IP_FAILOVER"

Step 3: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

ifup eth0:0

Gentoo

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/conf.d/net /etc/conf.d/net.bak

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file per aggiungervi l’IP Failover. Su Gentoo, viene aggiunto direttamente un alias all’interfaccia eth0. Non sarà quindi necessario creare l’interfaccia eth0:0 come per Red Hat o CentOS.

Per assicurare il corretto funzionamento di alcune operazioni specifiche di OVH, l'IP di default del server e config_eth0= devono essere sulla stessa riga.

È sufficiente inserire il tuo IP Failover nella linea successiva alla netmask 255.255.255.0 (sostituisci SERVER_IP con l'IP principale del tuo server).

editor /etc/conf.d/net

Dovrai quindi aggiungere:

config_eth0=( "SERVER_IP netmask 255.255.255.0" "IP_FAILOVER netmask 255.255.255.255 brd IP_FAILOVER" )

Il file /etc/conf.d/net deve contenere:

#This blank configuration will automatically use DHCP for any net.
# scripts in /etc/init.d. To create a more complete configuration,
# please review /etc/conf.d/net.example and save your configuration
# in /etc/conf.d/net (this file :]!).
config_eth0=( "SERVER_IP netmask 255.255.255.0"
"IP_FAILOVER netmask 255.255.255.255 brd IP_FAILOVER" )
routes_eth0=( "default gw SERVER_IP.254" )

Per effettuare un ping sul tuo IP Failover, sarà sufficiente riavviare l’interfaccia di rete.

Step 3: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

/etc/init.d/net.eth0 restart

openSUSE

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/sysconfig/network/ifcfg-ens32 /etc/sysconfig/network/ifcfg-ens32.bak

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file /etc/sysconfig/network/ifcfg-ens32 in questo modo:

IPADDR_1=IP_FAILOVER
NETMASK_1=255.255.255.255
LABEL_1=ens32:0 

cPanel

Step 1: crea il file sorgente

Per prima cosa, ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/ips /etc/ips.bak

Step 2: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file /etc/ips:

editor /etc/ips

aggiungere l’IP Failover al file:

IP_FAILOVER:255.255.255.255:IP_FAILOVER

e infine aggiungere l’IP in /etc/ipaddrpool:

IP_FAILOVER

Step 3: riavvia il servizio

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

/etc/init.d/ipaliases restart

Windows Server

I server Windows vengono forniti solitamente con una configurazione di rete con DHCP abilitato di default. Se hai già aggiunto un IP Failover o modificato la tua configurazione per utilizzare un IP statico, passa direttamente allo step successivo.

In caso contrario sarà necessario modificare la configurazione di rete per impostare IP statico al posto del DHCP.

Apri il prompt dei comandi cmd o powershell e digita il comando:

ipconfig /all

Il risultato restituito sarà, ad esempio:

Result of "ipconfig /all" command

Recupera il tuo IPv4, la subnet mask, il gateway predefinito e il nome della scheda di rete.

Nel nostro esempio, l’IP del server è: 94.23.229.151

Per continuare, è possibile effettuare le operazioni sia da riga di comando che tramite interfaccia grafica:

Da riga di comando (consigliato)

Nei comandi seguenti, è necessario sostituire:

Comando Valore
NETWORK_ADAPTER Nome della scheda di rete (nel nostro esempio, Local Area Connection)
IP_ADDRESS Indirizzo IP del server (nel nostro esempio, 94.23.229.151)
SUBNET_MASK Maschera di sottorete (nel nostro esempio, 255.255.255.0)
GATEWAY Gateway predefinito (nel nostro esempio, 94.23.229.254)
IP_ADDRESS_FAILOVER Indirizzo IP Failover da aggiungere

Attenzione: se le informazioni inserite non sono corrette, il server non sarà più raggiungibile e sarà necessario effettuare le correzioni accedendo in modalità Winrescue o tramite KVM.

Nel prompt dei comandi:

  • Passare a un IP statico
netsh interface ipv4 set address name="NETWORK_ADAPTER" static IP_ADDRESS SUBNET_MASK GATEWAY
  • Definire il server DNS
netsh interface ipv4 set dns name="NETWORK_ADAPTER" static 213.186.33.99
  • Aggiungere un IP Failover
netsh interface ipv4 add address "NETWORK_ADAPTER" IP_ADDRESS_FAILOVER 255.255.255.255

Da questo momento, il tuo IP Failover è attivo.

Da interfaccia grafica

  1. Accedi al menu Start > Pannello di controllo > Rete e Internet > Centro connessioni di rete e condivisione > Modifica impostazioni scheda (nel menu a sinistra)
  2. Clicca con il tasto destro su Connessione alla rete locale
  3. Clicca su Proprietà
  4. Seleziona Protocollo Internet Version 4 (TCP/IPv4) e clicca su Proprietà
  5. Clicca su Utilizza il seguente indirizzo IP e inserisci l'IP principale del tuo server, la subnet mask e il gateway predefinito ottenuto precedentemente con il comando ipconfig . In Server DNS preferito, inserisci 213.186.33.99.

Internet Protocol Version 4 (TCP/IPv4) Properties

Attenzione: se le informazioni inserite non sono corrette, il server non sarà più raggiungibile e sarà necessario effettuare le correzioni accedendo in modalità Winrescue o tramite KVM.

In seguito, clicca su Avanzate (sempre nelle Impostazioni TCP/IP).

Internet Protocol Version 4 (TCP/IPv4) Properties

Nella parte indirizzo IP, clicca su Aggiungi...:

Advanced TCP/IPv4 Settings

Inserisci il tuo IP Failover e la subnet mask 255.255.255.255.

TCP/IP Address

Clicca su Aggiungi.

Da questo momento, il tuo IP Failover è attivo.

FreeBSD

Step 1: identifica l'interfaccia

Recupera il nome della tua interfaccia di rete principale utilizzando il comando ifconfig:

ifconfig

Otterrai questo risultato:

ifconfig
>>> nfe0: flags=8843 metric 0 mtu 1500
>>> options=10b
>>> ether 00:24:8c:d7:ba:11
>>> inet 94.23.196.18 netmask 0xffffff00 broadcast 94.23.196.255
>>> inet 87.98.129.74 netmask 0xffffffff broadcast 87.98.129.74
>>> media: Ethernet autoselect (100baseTX )
>>> status: active
>>> lo0: flags=8049 metric 0 mtu 16384
>>> options=3
>>> inet6 fe80::1%lo0 prefixlen 64 scopeid 0x2
>>> inet6 ::1 prefixlen 128
>>> inet 127.0.0.1 netmask 0xff000000 v comsdvt#

Nel nostro esempio, il nome dell’interfaccia è nfe0.

Step 2: crea il file sorgente

Ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

cp /etc/rc.conf /etc/rc.conf.bak

Step 3: modifica il file sorgente

Ora è possibile modificare il file /etc/rc.conf:

editor /etc/rc.conf

Alla fine del file, aggiungi la riga ifconfig_INTERFACE_alias0=”inet IP_FAILOVER netmask 255.255.255.255 broadcast IP_FAILOVER”.

Sostituisci INTERFACE e IP_FAILOVER rispettivamente con il nome della tua interfaccia (identificata nel primo step) e con il tuo IP Failover. Per esempio:

ifconfig_nfe0_alias0="inet 87.98.129.74 netmask 255.255.255.255 broadcast 87.98.129.74"

Step 4: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

/etc/rc.d/netif restart && /etc/rc.d/routing restart

Solaris

Step 1: identifica l'interfaccia

Recupera il nome della tua interfaccia di rete principale utilizzando il comando ifconfig:

ifconfig -a

Otterrai questo risultato:

ifconfig -a
>>> lo0: flags=2001000849 mtu 8232 index 1 inet 127.0.0.1 netmask ff000000 e1000g0: flags=1000843 mtu 1500 index 2 inet 94.23.41.167 netmask ffffff00 broadcast 94.23.41.255 ether 0:1c:c0:f2:be:42

Nel nostro esempio, il nome dell’interfaccia è e1000g0.

Step 2: crea il file sorgente

Ti consigliamo di effettuare una copia del file sorgente per poter ripristinare la versione precedente se necessario:

editor /etc/hostname.e1000g0:1

Step 3: modifica il file sorgente

In questo file, inserisci: IP_FAILOVER/32 up, dove IP_FAILOVER corrisponde al tuo IP Failover. Per esempio:

188.165.171.40/32 up

Step 4: riavvia l’interfaccia

Per riavviare l’interfaccia esegui il comando:

svcadm restart svc:/network/physical:default

Per saperne di più

Contatta la nostra Community di utenti all’indirizzo https://www.ovh.it/community/.


Potrebbero interessarti anche...