Deploy di una macchina virtuale

Come attivare una macchina virtuale dall’interfaccia vSphere

Ultimo aggiornamento: 18/11/2020

Obiettivo

L’interfaccia vSphere permette di eseguire il deploy di macchine virtuali in diversi modi.

Questa guida ti mostra come creare una VM a partire da un file ISO.

Prerequisiti

Procedura

Esegui il deploy di una macchina virtuale

La creazione di una nuova macchina virtuale è disponibile nella sezione ClusterCDI del client vSphere.

Per effettuare l’operazione clicca con il tasto destro sul cluster in questione e seleziona New Virtual Machine.

Deploy di una VM

Per creare una macchina virtuale è possibile scegliere tra diverse opzioni:

  • Da un file ISO, disponibile nel datastore (per importarlo, consulta la guida di connessione in SFTP).
  • Da un template personale o fornito da OVHcloud.
  • Clonare una VM già esistente, prestando particolare attenzione agli eventuali conflitti di indirizzi IP.
  • Clonare una VM in un template per un’implementazione più rapida delle future macchine virtuali.
  • Clonare un template in un altro template, ad esempio per averlo a disposizione su diversi datastore e prevenire cali di performance durante i deploy massivi.
  • Convertire un template in macchina virtuale. Questa operazione comporta la perdita del template ma potrebbe rivelarsi utile per apportare modifiche.

Scelta della modalità di creazione

In questa guida ci concentreremo sul deploy di una macchina virtuale a partire da un file ISO.

Lo step successivo consente di definire il nome della propria macchina e sceglierne la localizzazione. Nel caso in cui non venga selezionata nessuna cartella, la macchina virtuale verrà creata nella root del datacenter.

Localizzazione della macchina virtuale

In seguito è possibile scegliere il cluster, l’host, il pool di risorse o la vAppdi destinazione.

Nel nostro caso, la macchina virtuale sarà implementata secondo le regole DRS configurate e localizzata nella root del cluster.

Scelta delle risorse

A questo punto è necessario scegliere il datastore in cui salvare i file di configurazione e del disco.

Sconsigliamo di localizzare la macchina virtuale in “storageLocal”, che corrisponde al disco locale dell’host: in caso di malfunzionamenti dell’host, infatti, la VM non potrà essere riavviata e non sarà più raggiungibile.

Scelta dello storage

Successivamente, seleziona il tipo di compatibilità tra macchina virtuale e host. Tranne in casi particolari, consigliamo di scegliere la versione più recente disponibile.

Scelta della compatibilità

Nello step successivo, scegli un “guest operating system”. Il “Guest OS” non installa il sistema operativo ma pre-configura automaticamente la macchina virtuale per l’utilizzo (quantità di CPU/RAM, tipo di scheda di rete, installazione dei VMware Tools).

Scelta del Guest OS

Configura la macchina virtuale

Negli step successivi è possibile configurare le risorse della macchina virtuale.

La riga New Network permette di aggiungere una scheda di rete:

  • la “VM Network” è utilizzata per la rete pubblica e l’accesso diretto a Internet
  • le VLAN consentono di utilizzare la rete privata tra le diverse macchine virtuali (e altri servizi OVHcloud tramite la vRack)

Scelta della rete

Nella riga New CD/DVD Drive, seleziona “Datastore ISO File”.

Si aprirà una nuova finestra in cui è possibile caricare il file ISO, che potrà essere aggiunto anche dopo la creazione della macchina virtuale.

Scelta del file ISO

Una volta selezionato il file, verrà mostrato nell’interfaccia come nell’immagine qui sotto. È importante ricordarsi di connetterlo selezionando la casella Connect At Power On.

Connettere ISO

A questo punto compare un riepilogo dei componenti della macchina virtuale. Per apportare eventuali modifiche alla configurazione è sufficiente selezionare lo step nella colonna sinistra.

Per completare il deploy, clicca su FINISH

Riepilogo VM

Una volta che la macchina compare nell’inventario, è possibile avviarla facendo click con il tasto destro e selezionando Power > Power on.

Clicca su Open Remote Console per accedere al terminale della VM e iniziare l’installazione del sistema operativo.

Avvio VM

La console si aprirà in una nuova finestra e, a operazione ultimata, la macchina virtuale sarà pronta all’utilizzo.

Console VM

Una volta installata la macchina virtuale, consigliamo di disabilitare l’ISO nelle impostazioni. In caso contrario non sarà possibile spostare la macchina virtuale.

Per saperne di più

Contatta la nostra Community di utenti all’indirizzo https://community.ovh.com/en/.


Questa documentazione ti è stata utile?

Prima di inviare la valutazione, proponici dei suggerimenti per migliorare la documentazione.

Immagini, contenuti, struttura... Spiegaci perché, così possiamo migliorarla insieme!

Le richieste di assistenza non sono gestite con questo form. Se ti serve supporto, utilizza il form "Crea un ticket" .

Grazie per averci inviato il tuo feedback.


Potrebbero interessarti anche...

OVHcloud Community

Accedi al tuo spazio nella Community Fai domande, cerca informazioni, pubblica contenuti e interagisci con gli altri membri della Community OVHcloud

Discuss with the OVHcloud community

Conformemente alla Direttiva 2006/112/CE e successive modifiche, a partire dal 01/01/2015 i prezzi IVA inclusa possono variare in base al Paese di residenza del cliente
(i prezzi IVA inclusa pubblicati includono di default l'aliquota IVA attualmente in vigore in Italia).