Il tuo account clienteContatto commercialeWebmailOVHcloud Blog

Benvenuto in OVHcloud!

Accedi per ordinare, gestire prodotti e servizi e monitorare gli ordini

Accedi

Configurare IPv6 su un server VPS

Come configurare IPv6 sul tuo VPS OVHcloud

Questa traduzione è stata generata automaticamente dal nostro partner SYSTRAN. I contenuti potrebbero presentare imprecisioni, ad esempio la nomenclatura dei pulsanti o alcuni dettagli tecnici. In caso di dubbi consigliamo di fare riferimento alla versione inglese o francese della guida. Per aiutarci a migliorare questa traduzione, utilizza il pulsante "Modifica" di questa pagina.

Ultimo aggiornamento: 18/01/2021

Obiettivo

L’IPv6 è la versione più recente dell’Internet Protocol(IP). Ogni server VPS OVHcloud viene consegnato con un indirizzo IPv4 e un indirizzo IPv6. Di default è configurato soltanto l’IPv4 ma, Se devi configurare l'IPv6, devi farlo manualmente sul tuo sistema.

Questa guida ti mostra come configurare l'IPv6 sul tuo server VPS OVHcloud utilizzando diversi metodi.

OVHcloud mette a disposizione i server, ma non è autorizzata ad accedervi e non si occupa quindi della loro amministrazione. Garantire quotidianamente la gestione software e la sicurezza di queste macchine è quindi responsabilità dell’utente. Questa guida ti aiuta a realizzare le operazioni più ricorrenti. Tuttavia, in caso di difficoltà o dubbi relativi ad amministrazione e sicurezza, ti consigliamo di contattare un fornitore specializzato. Per maggiori informazioni consulta la sezione “Per saperne di più”.

Prerequisiti

Procedura

Le configurazioni visibili in questa guida sono fornite a titolo d'esempio e possono variare in base al sistema operativo utilizzato sul tuo VPS.

Configurare un IPv6 su un VPS è un’operazione che prevede diversi step, Ti verrà chiesto regolarmente di eseguire comandi o personalizzare la configurazione del tuo server.

Prima di iniziare ti consigliamo di consultare la tabella qui sotto, che contiene i termini utilizzati in questa guida e la loro descrizione:

Termine Descrizione Esempio
YOUR_IPV6 Indirizzo IPv6 assegnato al servizio. 2001:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:yyyy
IPv6_PREFIX Prefisso (o netmask) del blocco IPv6, generalmente 128 2001:xxxx:xxxx:xxxx::/128
IPv6_GATEWAY Gateway del blocco IPv6. 2001:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:zzzz

Step 1: recupera le informazioni relative alla rete

Per prima cosa, è necessario avere a disposizione l’indirizzo IPV6 e il gateway IPv6 assegnati al server. Esistono due modi per ottenere questa informazione:

Dallo Spazio Cliente OVH

Accedi allo Spazio Cliente OVHcloud, sezione Bare Metal Cloud. Seleziona il tuo servizio cliccando sul VPS nel menu a sinistra. Assicurati di essere posizionato nella scheda Home:

nel riquadro IP è possibile visualizzare l’indirizzo IP e il gateway IPv6 assegnato al server. Una volta recuperate queste informazioni è possibile passare allo Step 2: applica la configurazione IPv6.

configureipv6

Tramite le API OVHcloud

Accedi al sito https://api.ovh.com/console/ e inserisci il tuo identificativo OVHcloud. ed esegui le chiamate API indicate di seguito.

Per ottenere l’indirizzo IPv6 assegnato al VPS:

Per ottenere il gateway IPv6 assegnato al VPS:

Dopo aver recuperato gli indirizzi, continua allo Step 2: Applica la configurazione IPv6.

Step 2: applicare la configurazione IPv6

Una volta che disponi dei dati necessari per la configurazione dell’IPv6, accedi al VPS in SSH. Se hai bisogno di aiuto per questa operazione, consulta la guida Introduzione a SSH

La configurazione IPv6 può essere applicata in diversi modi. Prosegui nella lettura di questa guida in base alle tue esigenze:

Applicazione non persistente

Lo modalità non persistente implica che la configurazione applicata non verrà mantenuta dopo il riavvio del server.

Una volta effettuato l’accesso al VPS in SSH, esegui questi comandi ricordandoti di personalizzare:

  • i valori generici (YOUR_IPV6,IPV6_PREFIX e IPV6_GATEWAY) con i dati recuperati precedentemente
  • l’interfaccia di rete, se quella utilizzata non è eth0
ip addr add YOUR_IPV6/IPV6_PREFIX dev eth0
ip -6 route add IPV6_GATEWAY dev eth0
ip -6 route add default via IPV6_GATEWAY dev eth0

Applicazione persistente su Debian e derivati (Ubuntu, Crunchbang, SteamOS...)

Prima di modificare un file di configurazione, crea sempre un backup dell'originale in caso di problemi.

Esistono due metodi per configurare la tua rete in base al sistema operativo installato sul tuo server:

In alcuni casi, il metodo da utilizzare potrebbe non essere quello indicato sopra. Verifica il metodo attivo nel tuo caso e, per verificarlo, accedi al tuo sistema. Se necessario, consulta il sito https://netplan.io/ per maggiori informazioni.

Presta particolare attenzione, i nomi esatti dei file possono variare.

Configurazione dei file interfaces

Il metodo più frequente consigliato è creare un file di configurazione nella directory /etc/network/interfaces.d/:

nano /etc/network/interfaces.d/51-cloud-init-ipv6.cfg

In questo modo è possibile separare la configurazione IPv6 e ripristinare facilmente le modifiche in caso di errore.

Aggiungi queste righe al file. Sostituisci i valori generici (cioè YOUR_IPV6, IPV6_PREFIX e IPV6_GATEWAY) e l'interfaccia di rete (se il tuo server non utilizza eth0) con i valori personalizzati.

auto eth0
iface eth0 inet6 static
mtu 1500
address YOUR_IPV6
netmask IPV6_PREFIX
post-up /sbin/ip -6 route add IPV6_GATEWAY dev eth0
post-up /sbin/ip -6 route add default via IPV6_GATEWAY dev eth0
pre-down /sbin/ip -6 route del default via IPV6_GATEWAY dev eth0
pre-down /sbin/ip -6 route del IPV6_GATEWAY dev eth0

Riavvia il tuo servizio di rete con uno dei comandi seguenti:

service networking restart
systemctl restart networking

Puoi anche aggiungere la configurazione di cui sopra a uno dei file seguenti (con i privilegi sudo), a seconda della generazione del sistema operativo installato sul server:

  • il file /etc/network/interfaces
  • il file /etc/network/interfaces.d/50-cloud-init.cfg

Ti consigliamo di salvare il file di configurazione più adatto. Ad esempio, esegui questo comando:

cp /etc/network/interfaces /etc/network/interfaces.back

Puoi annullare le modifiche utilizzando questi comandi:

rm -f /etc/network/interfaces
cp /etc/network/interfaces /etc/network/interfaces
Configurazione tramite Netplan

I file di configurazione di rete si trovano nella directory /etc/netplan/. Ti consigliamo di iniziare effettuando un backup del file di configurazione più adatto. In questo caso, copia il file 50-cloud-init.yaml con questi comandi:

cd /etc/netplan/
mkdir backup
cp 50-cloud-init.yaml backup/50-cloud-init.yaml

Puoi annullare le modifiche utilizzando questi comandi:

rm -f /etc/netplan/50-cloud-init.yaml
cp /etc/netplan/backup/50-cloud-init.yaml /etc/netplan/50-cloud-init.yaml

Prima di modificarlo, crea una copia del file di configurazione IPv6:

cd /etc/netplan
cp 50-cloud-init.yaml 51-cloud-init-ipv6.yaml

Modificare il file 51-cloud-init-ipv6.yaml aggiungendo la configurazione IPv6 del tuo server. Sostituisci i valori generici (cioè YOUR_IPV6, IPV6_PREFIX e IPV6_GATEWAY) e l'interfaccia di rete (se il tuo server non utilizza eth0) con i valori personalizzati.

network:
    version: 2
    ethernets:
        eth0:
            dhcp6: no
            match:
              name: eth0
            addresses:
              - "YOUR_IPV6/IPv6_PREFIX"
            gateway6: "IPv6_GATEWAY"
            routes:
              - to: "IPv6_GATEWAY"
                scope: link

È importante rispettare l'allineamento di ciascun elemento del file, come indicato nell'esempio di cui sopra. Non utilizzare il tasto di tabulazione per creare la tua spaziatura. E' necessario solo il tasto spazio.

Per testare la tua configurazione utilizza questo comando:

netplan try

Se è corretta, applicala utilizzando il seguente comando:

netplan apply

Applicazione persistente su Red Hat e suoi derivati (CentOS, ClearOS, ecc...)

I file di configurazione di rete si trovano nella directory /etc/sysconfig/network-scripts/. Ti consigliamo di iniziare effettuando un backup del file di configurazione più adatto. Ad esempio, copia il file ifcfg-eth0 con i comandi seguenti. Ricordati di sostituire eth0 con la tua interfaccia reale, se necessario.

cd /etc/sysconfig/network-scripts/
mkdir backup
cp ifcfg-eth0 backup/ifcfg-eth0

Puoi annullare le modifiche utilizzando questi comandi:

rm -f /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0
cp /etc/sysconfig/network-scripts/backup/ifcfg-eth0 /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0

Modifica il file ifcfg-eth0 aggiungendo la configurazione IPv6 del tuo server. Sostituisci i valori generici (YOUR_IPV6, IPV6_PREFIX e IPV6_GATEWAY) con i valori personalizzati.

IPV6INIT=yes
IPV6ADDR=YOUR_IPV6/IPV6_PREFIX
IPV6_DEFAULTGW=IPV6_GATEWAY

Su CentOS 7, è necessario creare un file di routing in aggiunta agli step seguenti:

  • Crea un file (con i privilegi sudo) che indica gli indirizzi IPv6 predefiniti:
# touch /etc/sysconfig/network-scripts/route6-eth0
  • Modifica il file e aggiungi le righe qui sotto. Sostituisci i valori generici (IPV6_GATEWAY e eth0, se necessario) con i valori personalizzati.
IPV6_GATEWAY dev eth0
default via IPV6_GATEWAY

Riavvia il servizio di rete per consentire al sistema di applicare la nuova configurazione con uno dei comandi seguenti:

service networking restart
systemctl restart networking

Applicazione persistente su Windows Server

Di default, IPv6 non è configurato sui server Windows. Per attivarlo, apri il Pannello di configurazione e clicca su Visualizza lo stato e le operazioni della rete, poi su Modifica le impostazioni della scheda.

configureipv6

Clicca su Ethernet per aprire le impostazioni e clicca sul pulsante Proprietà per visualizzare Proprietà Ethernet.

Seleziona Protocol Internet version 6 (TCP/IPv6) e clicca sul pulsante Proprietà.

configureipv6

Nella finestra Proprietà IPv6 seleziona Utilizza questo indirizzo IPv6. Inserisci gli indirizzi IP recuperati nel primo step.

Puoi anche inserire le risoluzioni DNS IPv6 che preferisci utilizzando questo indirizzo server DNS. Ciò non è obbligatorio se i resolver DNS della configurazione IPv4 sono già operativi.

Seleziona la casella Conferma le impostazioni lasciando e clicca su OK per confermare le modifiche. Se il gateway specificato non si trova sulla stessa sottorete IPv6 (ad esempio, /128 e /64), può essere visualizzato un messaggio di errore. Puoi ignorare questo messaggio e passare allo step successivo.

configureipv6

Step 3: Verifica la configurazione e prova la connessione.

A seconda del sistema operativo, è possibile verificare la funzionalità tramite diversi comandi.

  • Per un impianto GNU/Linux, ecco due esempi per l'interfaccia eth0 (da adattare se necessario):
ip -6 addr show eth0
2: eth0: <BROADCAST,MULTICAST,UP,LOWER_UP> mtu 1500 qlen 1000
    inet6 2001:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:zzzz/128 scope global
       valid_lft forever preferred_lft forever
    inet6 fe80::f816:3eff:fec0:c336/64 scope link
       valid_lft forever preferred_lft forever
ifconfig eth0
eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr ab:cd:ef:gf:ij:kl
          inet addr:aa.bb.cc.dd  Bcast:aa.bb.cc.ee  Mask:255.255.255.255
          inet6 addr: 2001:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:xxxx:zzzz/128 Scope:Global
          inet6 addr: fe80::f816:3eff:fec0:c336/64 Scope:Link
          UP BROADCAST RUNNING MULTICAST  MTU:1500  Metric:1
          [...]

Per verificare la connessione, utilizza il seguente comando:

ping6 proof.ovh.net
  • Per un sistema Windows, utilizza il comando:
ipconfig

Windows IP Configuration

Ethernet adapter Ethernet:

   Connection-specific DNS Suffix  . : openstacklocal
   IPv6 Address. . . . . . . . . . . : 2001:xxxx:xxxx:xxxx::zzzz
   Link-local IPv6 Address . . . . . : fe80::d928:7a00:5ba6:951b%3
   IPv4 Address. . . . . . . . . . . : 51.xxx.xxx.xxx
   Subnet Mask . . . . . . . . . . . : 255.255.255.255
   Default Gateway . . . . . . . . . : 2001:xxxx:xxxx:xxxx::y
                                       51.xxx.xxx.y

Per verificare la connessione, utilizza il seguente comando:

ping -6 proof.ovh.net

Puoi anche testare la connessione a un altro server remoto. Per il corretto funzionamento dell'operazione è tuttavia necessario che l'IPv6 sia attivo sul server remoto.

Se, nonostante queste modifiche, IPv6 non sembra funzionare sul tuo server, è possibile (in rari casi) che sia necessario apportare modifiche aggiuntive. In questo caso, effettua le seguenti operazioni:

  • In base al sistema operativo, prova a sostituire il prefisso (o netmask) del tuo indirizzo IP con /128 e /64. Includerà il gateway IPv6 nella tua sottorete.

  • Oltre a riavviare il servizio di rete, potrebbe essere necessario un riavvio del server per completare l'elaborazione della configurazione IPv6.

  • In Windows, verifica che il firewall autorizzi le richieste ICMP per IPv6.

Step 4: Disattiva la gestione della rete Cloud-init (in opzione)

Questo step non si è valido per i sistemi Windows.

Cloud-init è un pacchetto installato di default sulle istanze VPS. È un framework che permette di eseguire gli script indicati al momento della creazione o del riavvio del server. Il meccanismo implementato consente all’infrastruttura OpenStack di inserire script nell’ambiente cloud-init e quindi nella configurazione della macchina.

In base al sistema operativo, cloud-init sarà in grado di gestire la rete, l’hostname, il file resolv.conf e il partizionamento automatico dell’hard disk in caso di upgrade.

Nelle distribuzioni più recenti (come CentOS, Debian 9, Ubuntu 16.x e versioni successive), la configurazione di default di cloud.init può a volte reinizializzare automaticamente la configurazione di rete all'avvio del server.

In casi specifici di utilizzo, ti consigliamo di evitare la reinizializzazione disattivando la gestione automatica della rete in Cloud-Init. tramite un comando che permetterà di creare un file /etc/cloud/cloud.cfg.d/98-disable-network-config.cfg contenente il valore network: {config: disabled}:

echo "network: {config: disabled}" > /etc/cloud/cloud.cfg.d/98-disable-network-config.cfg

Riavvia il tuo server affinché l'operazione sia presa in carico.

Per ripristinare la gestione automatica del server tramite cloud-Init, rimuovi il file creato o spostalo in un’altra cartella.

Per saperne di più

Contatta la nostra Community di utenti all’indirizzo https://community.ovh.com/en/.


Questa documentazione ti è stata utile?

Prima di inviare la valutazione, proponici dei suggerimenti per migliorare la documentazione.

Immagini, contenuti, struttura... Spiegaci perché, così possiamo migliorarla insieme!

Le richieste di assistenza non sono gestite con questo form. Se ti serve supporto, utilizza il form "Crea un ticket" .

Grazie per averci inviato il tuo feedback.


Potrebbero interessarti anche...

OVHcloud Community

Accedi al tuo spazio nella Community Fai domande, cerca informazioni, pubblica contenuti e interagisci con gli altri membri della Community OVHcloud

Discuss with the OVHcloud community

Conformemente alla Direttiva 2006/112/CE e successive modifiche, a partire dal 01/01/2015 i prezzi IVA inclusa possono variare in base al Paese di residenza del cliente
(i prezzi IVA inclusa pubblicati includono di default l'aliquota IVA attualmente in vigore in Italia).